mercoledì 1 febbraio 2023

Capo d’Orso

ai piedi della famosa roccia dell’Orso

Capo d’Orso
Da Palau, seguendo le numerose segnalazioni, si arriva ai piedi della famosa roccia dell’Orso, già nota in epoca romana e punto di riferimento per i naviganti.
Quando la strada asfaltata giunge ad una curva per Cala Capra, si lascia il mezzo per proseguire a piedi lungo un percorso a sinistra.
In una decina minuti di cammino si giunge al monumento vero e proprio che da il nome al promontorio su cui domina, a circa 122 m. sul livello del mare.
Tra i siti più visitati della Sardegna, è un enorme tafone granitico che gli agenti atmosferici hanno levigato e trasformato nei millenni fino a dargli le sembianze di un orso che guarda uno dei tratti più belli delle coste sarde.
Dopo aver scalato l’orso si segue una strada che scende fino al mare arrivando a Cala Capra, ben riparata dai venti dove si trova un piccolo molo.
Da non perdere, sempre nei pressi del promontorio dell’Orso, la visita alla bellissima spiaggia di Vena Longa o Lido di Portu Mannu, una cala dalle acque trasparentissime.
Proseguendo invece da Punta Cardinalino verso il faro di Capo d’Orso, si può arrivare a Cala Casotto, poco oltre il porto militare dell’esercito.
Per tornare a Palau si può deviare per Cannigione-Arzachena passando per il panoramico colle di Baragge, arrivando quasi in centro o in via Baragge all’altezza del passaggio a livello.
©Intour Project - sant'Antonio di Gallura (OT) p.iva 02429980903 c.f. RCCBTS68D43B354H - tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza

Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK